+39 015/813401
via Piacenza 11, 13900, BIELLA (BI)
anteo@gruppoanteo.it

Comunità Terapeutica Lo Scarabocchio (MB)

Via Alberto Gabellini, 2, Desio, MB, Italia

La struttura

La Comunità terapeutica “Lo Scarabocchio”, con sede a Besana Brianza,  è parte integrante del Servizio di Neuropsichiatria Infantile dell’Azienda Ospedaliera San Gerardo di Monza. Aperta nell’anno 1999 prende il suo nome “Scarabocchio” dal “Gioco dello scarabocchio (squiggle)”, un metodo che  D.W.Winnicott utilizzava nelle consultazioni terapeutiche per entrare in contatto con i piccoli pazienti grazie al materiale prodotto nell’atto del giocare nella sovrapposizione delle due aree di gioco del terapeuta e del paziente. E’ infatti al lavoro di Winnicott che la comunità si ispira e in particolare all’importanza vitale del contributo ambientale, nella stabilità e nelle continuità delle cure, in grado di facilitare in termini umani e di crescita umana l’incontro con la realtà esterna.

A CHI SI RIVOLGE

La Comunità terapeutica “Lo Scarabocchio” accoglie adolescenti di entrambi i sessi, di età compresa fra i 12 e i 18 anni, in grave difficoltà psicopatologica e che necessitano di un intervento di cura al di fuori dell’ambito familiare essendosi rivelati inadeguati e/o insufficienti i trattamenti terapeutici domiciliari (programmati ed effettuati  presso le UONPIA di appartenenza) o ospedalieri.

DESCRIZIONE AMBIENTE E COLLOCAZIONE

La comunità, collocata all’interno di una ex struttura ospedaliera, è organizzata come un ampio appartamento completo di camere a due letti, soggiorno, cucina, camera educatori/infermieri, sale ricreative e di studio, dotata di condizionamento dell’aria e di tutte le misure di sicurezza adatte ad assicurare un contesto abitativo protetto. Si trova nel centro storico del paese, adiacente ad un grande parco pubblico con facilità di accesso a negozi, biblioteca civica, luoghi di aggregazione, impianti sportivi, servizi scolastici e formativi di Besana e dei paesi limitrofi. Durante la permanenza in comunità gli ospiti frequentano scuole o centri di formazione a Besana o nei paesi limitrofi.

FUNZIONAMENTO

La comunità offre cure psicodinamicamente orientate sia al minore che alla coppia genitoriale con cui si avvia un percorso di sostegno e orientamento individualizzato finalizzato al miglioramento delle dinamiche familiari così da permettere appena possibile il rientro a casa del paziente e la prosecuzione delle cure, quando necessario, in regime ambulatoriale.

INSERIMENTO

La richiesta di inserimento in comunità deve essere inoltrata dai servizi di NPI territoriali del luogo di residenza dell’adolescente  che devono avere valutato il caso (ragazzo e contesto familiare) nella sua globalità e individuato il percorso in comunità come parte fondamentale del progetto terapeutico. Prima dell’ingresso in comunità il servizio di NPI deve coinvolgere il servizio Sociale del comune di residenza del minore che si affianca alla famiglia e alla comunità nella definizione del programma. Al neuropsichiatria del territorio viene chiesto di inviare una relazione psicodiagnostica dettagliata aggiornata (anno in corso) sull’adolescente che specifichi  le motivazioni alla base della richiesta e il progetto terapeutico. A un incontro preliminare con i servizi invianti seguono colloqui esplorativi con il minore ed i genitori e incontri conoscitivi con educatori della comunità per valutare l’idoneità all’inserimento in comunità.

  • ID: 4467
  • Views: 1516